"Parlare di Musica è come ballare di architettura" Frank Zappa

18 mag 2024

METTI IL FUNERAL DOOM UN LUNEDI SERA...BELL WITCH ED ESOTERIC (LONDON, 15/04/2024)



Ci ho messo un po' di tempo a far uscire questo live-report, me la son presa con calma... in perfetto spirito funeral doom...

The Dome, 15 aprile 2024, ore 7 e mezzo circa. Giungo un po' fiacco all'evento: è lunedì, nottataccia alle spalle, lunga giornata di lavoro, mal di denti, orecchi ronzanti per aver ascoltato hardcore tutto il giorno (non chiedetemi perché) ed è pur sempre lunedì: direi che ci sono tutte le condizioni per affrontare in serenità una serata di funeral doom...

Esoteric e Bell Witch insieme sono i classici due piccioni con una fava. Sebbene i primi rappresentino la storia del genere, i Bell Witch si meritano in questo tour il ruolo di headliner, forti di lavori veramente sopra la media. "Mirror Reaper", per esempio, è a parere di chi scrive uno dei migliori album di metal usciti in anni recenti. Io son qui per loro, lo dico fin da subito, ma certo non mi dispiace affatto l'idea di passare attraverso un'oretta di Esoteric. Prima, però, ci sarà da passare dai Knoll

13 mag 2024

VIAGGIO NEL DEPRESSIVE BLACK METAL: ANTI

 


Ventitreesima puntata: Anti – “The Insignificance of Life” (2006)

Gli Anti esordiscono con misura e giustezza, il loro golden debut "The Insignificance of Life" (si parte bene...) non arriva alla mezz'ora e conta solo sei brani (di cui una cover). Un "piccolo" lavoro, questo, che tuttavia ha molto da dire. E lo dice, coerentemente, con uno stile asciutto, tonico, compatto, melodicamente ispirato. 

Torniamo dunque in Germania per conoscere un altro bel capitolo del depressive black metal, trovando in esso la conferma di come le brumose lande teutoniche siano un teatro di prim’ordine per quanto riguarda l’espressione di questo sotto-genere. 

8 mag 2024

VIAGGIO NEL METAL RURALE_III: L'ESTASI PER LA SACRA TENEBRA DEGLI AGRICULTURE

 


Estasi agricola. Secondo la visione che aveva Woody Allen, new-yorkese “doc”, l'altra America, quella di Los Angeles, era un mondo di cartapesta che viveva di effimero e di continua insulsa allegria. Una celebrazione permanente di una vita senza spessore, così la descriveva.

A noi interessa questo nella misura in cui si può applicare al black metal, e naturalmente non con la valenza ostile di Allen, ma oggettivamente come la contrapposizione tra lo spirito volatile e fluido di Los Angeles e la profondità cupa, radicata e già consapevole delle città dell'East Coast.

5 mag 2024

COME IL METAL ITALIANO E' DIVENTATO SE STESSO - 50 dischi per conoscere il metal italiano (new edition available!)


Cari Lettori di Metal Mirror,
nel ricordarvi che, da inizio febbraio '23, è disponibile la nuova edizione riveduta e corretta del libro in oggetto, linkiamo qui di seguito gli ultimi riscontri avuti da Truemetal.it e da Universorockandmetal.com:

https://www.truemetal.it/articoli/recensione-libro-come-il-metal-italiano-e-diventato-se-stesso

https://universorockandmetal.com/2023/02/25/come-il-metal-italiano-e-diventato-se-stesso/

La Redazione
____________________________________________________

Finalmente è uscito! Ci riferiamo a "Come il metal italiano è diventato se stesso: 50 dischi per conoscere il metal italiano": il primo libro realizzato dalla redazione di Metal Mirror! Grazie a questa opera l'approccio "metalmirroriano" che avete imparato a conoscere (e, chissà!, ad amare) sulle pagine di questo blog, trova finalmente spazio su carta!

3 mag 2024

VIAGGIO NEL DEPRESSIVE BLACK METAL: MAKE A CHANGE...KILL YOURSELF

 
Ventiduesima puntata: "Make a Change...Kill Yourself" - "Make a Change...Kill Yourself" (2005) 

In sede di introduzione abbiamo spiegato come, in verità, non sia possibile tracciare una chiara linea di demarcazione fra depressive black metal e depressive suicidal black metal: una dimensione sfocia facilmente nell'altra e se vogliamo inserire nella corrente suicidal tutti coloro che bene o male finiscono per parlare di suicidio, ci renderemo presto conto di come quasi tutto il calderone del black metal depressivo sia nutrito da band che tecnicamente potremmo definire DSBM. 

28 apr 2024

Capitolo 2 - UNA FRONTIERA UNDERGROUND NEL METAL ESTREMO: GLI AMYGDALA

 


Non c'è un gran numero di band hardcore che sfidano le norme del genere e spingono verso un nuovo futuro della musica estrema. 

Da San Antonio, in Texas, gli Amygdala della cantante Bianca Quiñones Cruz Benitez provano a farlo proponendo una ricetta hardcore mitigata da una vena malinconica, più vicina al post metal che permette alle canzoni di raggiungere una lunghezza spropositata per il genere (si superano addirittura i 6 minuti in "We Exist/Yo Existo") tra toni variabili dal depresso al furioso.

23 apr 2024

VIAGGIO NEL DEPRESSIVE BLACK METAL: MORTIFERA

 


Ventunesima puntata: Mortifera - "Vastiia Tenebrd Mortifera" (2004)

Dalla Germania spostiamoci in Francia, un posto strano per il black metal, anzi per il metal in generale. Per molto tempo il metal francese non è pervenuto, non sapendo offrire alcun nome di rilievo entro il panorama internazionale. Poi - all'improvviso - come funghi sono iniziate a spuntare realtà di prim'ordine come Blut Aus NordDeathspell OmegaPeste NoireAlcest: tutte entità che hanno operato a livello di eccellenza nel campo del post-black metal con proposte collocabili fra l'originale e il geniale. Le stesse Légions Noires, che si sarebbero rivelate al mondo nell'era di internet (dunque anni dopo che quella esperienza si sarebbe conclusa), hanno rappresentato un'altra ragione di orgoglio per la Francia per quanto riguarda il contributo alla causa del black metal, costituendo una fra le più valide alternative al predominio dell'armata scandinava durante gli anni novanta.  

18 apr 2024

QUATTRO SFUMATURE DI...ACCIAIO BRITANNICO!




Se il 2023 è stato da molti definito, non a torto, l’anno del death, questo 2024, o quantomeno il suo primo trimestre, è stato caratterizzato, nel Mare Magnum delle uscite metalliche, dalle ultime release di quattro pezzi da novanta dell’heavy classico; quattro nomi che, a buon diritto, appartengono alla Storia dell’heavy metal propriamente detto (cioè quello che, convenzionalmente, rimanda alla N.W.O.B.H.M.).

In ordine cronologico di pubblicazione: Saxon, Blaze Bayley, Bruce Dickinson e, dulcis in fundo, i Judas Priest.

Ora, per trattare questo tipo di proposte è d’uopo premettere una breve nota, assieme concettuale e metodologica, che è stata oggetto di discussione anche in Redazione.