"Parlare di Musica è come ballare di architettura" Frank Zappa

23 giu 2018

RECENSIONE: "THE SKY OVER" (VOID OF SILENCE)


Oltre. Oltre le capacità umane. Oltre ogni ragionevole speranza di salvezza. A bordo di una slitta contro il gelo e le intemperie, al timone fra le onde di mari impetuosi, sfidando le leggi gravitazionali su un pallone aerostatico. Sopra, il medesimo cielo, distante, distaccato, insensibile testimone di una lotta di elementi e sentimenti: un viaggio estremo dove ambizione, desiderio e paura si confondono.

Oltre è la musica dei Void of Silence, ed oltre è la loro ultima fatica discografica “The Sky Over”, epica, emozionante traversata oltre i confini del Conosciuto.

21 giu 2018

DIECI ALBUM PER CAPIRE IL POST-INDUSTRIAL (anteprima)


Nine Inch Nails, Ministry e Godflesh: questi sono i primi nomi che vengono in mente quando nei salotti metal si parla di industrial. Una associazione che palesa tuttavia una visione riduttiva del fenomeno, in quanto la musica industriale verrebbe in questa ottica ricondotta ad uno solo dei suoi molteplici percorsi evolutivi, ossia quello sviluppato nel corso degli anni ottanta in direzione rock e metal da band come Killing Joke, Swans, Foetus ecc.
La nostra attenzione verrà invece rivolta verso "luoghi artistici" stilisticamente e concettualmente più vicini alle forme originarie della "rivoluzione industriale", esplosa nella seconda metà degli anni settanta in contemporanea con punk e post-punk.

19 giu 2018

RECENSIONE "INTROSPECT" (THE QUIET ROOM)




A mio modesto parere, ma smentitemi dalla redazione se così non fosse, sono l’unico possessore in Italia di questo disco. Non perché sia un particolare collezionista, ma ho la sensazione che nessuno possa conoscere questo gruppo ed averlo ascoltato con attenzione per inserirlo nella nostra rubrica dedicata ai dischi dimenticati. 

17 giu 2018

"DEATH & DISASTER": ANDY WARHOL E L'IMMAGINARIO ESTREMO



Nel 1963 uno dei più celebri artisti contemporanei abbandona la tecnica della pittura per dedicarsi alla serigrafia - più facilmente replicabile e impersonale - scelta perfetta per esprimere la sua visione della morte. Quel personaggio si chiama Andy Warhol e attraverso la celebre serie: “Death & Disaster” entra da protagonista nella definizione del nostro attuale immaginario estremo. 

15 giu 2018

"MONOCHROME": L'INSPIEGABILE ALBUM SOLISTA DI DANIEL CAVANAGH


Nei Depeche Mode la testa pensante è sempre stata Martin Gore, compositore principale, nonché artefice primo del sound della band inglese. Le sue prove soliste sono sempre state pregevoli, ispirate e curate nel dettaglio, eppure rispetto ai lavori dei Depeche Mode ad esse manca qualcosa: il carisma di Dave Gahan. Con le dovute proporzioni possiamo affermare la stessa cosa per i fratelli Gallagher degli Oasis (Noel, il chitarrista/compositore, e Liam, il front-man/interprete), ma anche per altri due fratelli inglesi, che francamente ci interessano di più: Daniel e Vincent Cavanagh degli Anathema, of course.
Nell'ottobre del 2017, peraltro a pochi mesi di distanza dalla pubblicazione di "The Optimist", usciva "Monochrome", primo album solista di Daniel Cavanagh: un lavoro che io definirei inspiegabile.

13 giu 2018

IO & I PRIMAL FEAR, OVVERO IL SAPORE DEL "RITORNO A CASA"



Che senso ha parlare nel 2018 dei Primal Fear? E soprattutto: che senso ha parlare nel 2018 di un album del 2005, "Seven Seals", dei Primal Fear?

Presto detto: per un motivo di condivisione. Per condividere con voi una piacevole sensazione.

Provo a spiegarmi.

11 giu 2018

LEZIONI DI SATANISMO A FASCICOLI - KRIEGSMASCHINE: LA CARNE DEL MESSIA E IL PUS SPIRITUALE


La tristezza di leggere i testi di “Ave Sathanas” dei Venom Inc. è pari alla soddisfazione nel vedere invece come negli anni si sia passati dalle facilonerie sataniche all’anticristianesimo teoretico, lontano da banalità ritualistiche o da attitudini provocatorie. E’ passata sotto i ponti l’acqua dei Morbid Angel, con il loro occultismo anticristiano; i Deicide con il loro anti-cristianesimo allegorico; per poi approdare, con l’era black, all’anti-teismo esteso ad ogni religione monoteistica.

9 giu 2018

UN COCCODRILLO PER RALPH SANTOLLA - L'UOMO CHE ADDOLCI' GLEN BENTON



Il filosofo Carl Jung diceva che l’incontro di due personalità è come il contatto tra due sostanze chimiche: se c’è qualche reazione entrambi ne vengono trasformati. 

Stava facendo inconsapevolmente riferimento all’ingresso nei Deicide del chitarrista Ralph Santolla, defunto pochi giorni fa per un infarto, dal disco: “The Stench of Redemption” datato 2006.