"Parlare di Musica è come ballare di architettura" Frank Zappa

31 dic 2015

I MIGLIORI ALBUM METAL DEL 2015


Tranne in Metal Mirror, noto una certa fatica nella critica musicale a redigere le classifiche. Elenchi messi giù con il pilota automatico o distratti riassunti annuali o la fatica percepita per stilare dieci album, anche perché gli utenti generalmente cercano subito in graduatoria quelli che già possiedono o criticano ignorando il resto. Duro lavoro esporsi con la classifica dei Migliori Album Metal del 2015! Beyond the red (metal) mirror...

30 dic 2015

LEMMY, YOU'VE BEEN A GREAT...BOMBER!


Tutto in meno di 4 giorni. Chissà cosa avrà provato. Fare 70 anni tondi tondi la vigilia di Natale. E due giorni dopo sapere di aver così poco da vivere. E, dopo altri due giorni appena, morire. Volendo andare testardamente avanti, prendendo la vita a calci in culo ancora per molto tempo.  
La vita e anche i suoi fan. I fan dei Motorhead.

Ma sarebbe probabilmente sbagliato essere troppo tristi oggi. Forse, per un tipo come lui, è stato meglio così. Andarsene in un batter di ciglia. Ve lo sareste figurato Lemmy fare lunghi e dolorosi cicli di chemio? E perdere la sua rinomata chioma (e magari anche i basettoni)? No, io no. Non ce lo vedo calvo e in pigiama da ospedale.
Mi immagino invece che, alla notizia del male incurabile datagli il giorno di Santo Stefano, gli si sia dipinto un sorriso beffardo sul volto e che subito dopo se ne sia andato a casa a scolarsi, assaporandone ogni goccia, una delle sue immancabili bottiglie di Jack Daniels.

28 dic 2015

ADDIO LEMMY!


Icona. Monumento. Idolo. Leggenda.
Il mondo farà ancora più schifo senza te, ma adesso non prenderci troppo per il culo da lassù!

RECENSIONE: BLIND GUARDIAN "BEYOND THE RED MIRROR"


Sogno o son desto? I Blind Guardian hanno composto il disco dell'anno... No, non siamo nel 1998 ma nel 2015 e sono ancora i bardi di Krefeld a scrivere il miglior album?! Devo essere vittima di un incantesimo o avere il cervello ammaliato da una strega che mi fa giudicare male, non può essere così...

27 dic 2015

INTERVISTE IMPOSSIBILI: JON NODTVEIDT



Il 13 agosto del 2006 la scena estrema svedese, ma direi il mondo Metal tutto, ha perso uno dei suoi musicisti di punta: Jon Nodtveidt
Jon ha deciso di togliersi la vita con un colpo di pistola alla testa in un piccolo sobborgo di Stoccolma. Aveva da poco compiuto 31 anni.

La sua è stata una delle biografie più complesse e controverse della scena metal degli anni ’90. Tanto controversa però quanto importante, visto il lascito donato alla nostra musica preferita attraverso i suoi Dissection.

A mente fredda, a quasi 10 anni dalla sua morte, noi di MM abbiamo deciso di andarlo a trovare nell’Aldilà per toglierci qualche curiosità, sia professionale che umana.
Un incontro però non dei più semplici: sostenere quello sguardo glaciale (diciamolo pure…un po’ da psicopatico!), vedere quella moltitudine di tatuaggi satanisti sparsi su tutto il corpo…mette a disagio.
Ma non ci siamo fatti fermare dalle apparenze e siamo andati oltre. Ed ecco quello che Jon ci ha rivelato.

26 dic 2015

VENOM: "AT WAR WITH SATAN"




I MIGLIORI DIECI BRANI “LUNGHI” DEL METAL ESTREMO
10° CLASSIFICATO: “AT WAR WITH SATAN” (VENOM)

Avevamo aperto la classifica dei migliori brani “lunghi” del metal classico con la suite dei ManowarAchilles, Agony and Ecstasy in Eight Parts”, quasi mezzora di sproloquio musicale.

Di tamarri in tamarri, di perizoma in perizoma (da quello di peluche à-la Conan il Barbaro a quello in pelle e borchie di chi ha i capelli che gli partono da metà cranio in giù!), delineando un parallelo con l’altra classifica, decidiamo di aprire questa rassegna dedicata al metal estremo con i Venom.

Siamo nel 1983: il trio di NewCastle approda al loro terzo album, l’acclamato “At War with Satan”, che conferma la formula già proposta nei lavori precedenti, con in più una inaspettata sorpresina: la title-track che “misura” diciannove minuti e cinquantasette secondi!

23 dic 2015

NEUROSIS: “FALLING UNKNOWN”



I MIGLIORI DIECI BRANI “LUNGHI” DEL METAL
INTERMEZZO III: “FALLING UNKNOWN” (NEUROSIS)

Terzo ed ultimo atto del nostro intermezzo, prima di procedere con i migliori dieci brani lunghi nel metal estremo.

Parliamo di “Falling Unknown” dei Neurosis, tredici minuti ed undici secondi. Perché escluderla dalla competizione ufficiale e relegarla al limbo delle “fuori concorso”? Non poteva forse essere inserita fra i dieci migliori brani lunghi del metal estremo? Sì, poteva, ma noi abbiamo deciso di escluderla, insieme a tutte le ottime prove delle altre band dedite al post-hardcore ed al post-metal. L’obiettivo della nostra rassegna è di parlare del brano lungo nel metal come evento eccezionale nel modus operandi di una band. Ma nel post-hardcore e nel post-metal il brano lungo non è l'eccezione, bensì la regola! Suoni slabbrati e prolungati, dilatazioni sabbathiane, crescendo che montanto, pozze ambientali: si fa presto ad arrivare a dieci minuti se questi sono le regole, lo abbiamo visto nella nostra rassegna sul “Nuovo Metal”. Di brani lunghi in questo ambito ve ne sono a bizzeffe, impossibile contemplarli tutti. E quindi fanculo tutti!

22 dic 2015

I DIECI GRUPPI PIU' REPELLENTI DEL METAL: CONTROL DENIED, LA RIVELAZIONE DELLA REPELLENZA (1° POSIZIONE)



Chuck, capitolo finale. 

All'apice della repulsione cosa ci può essere? Accademica è la rincorsa della variazione sulla deformità, sulla sporcizia, sulla decomposizione. Oltre c'è la rivelazione della simbologia della repulsione come chiave interpretativa (materialistica e di superamento del materialismo sterile) del mondo.

21 dic 2015

INTERVISTE IMPOSSIBILI: CLIFF BURTON (terza ed ultima parte)



Ultima tranche della nostra conversazione con Cliff Burton: nelle due puntate precedenti abbiamo parlato di Metallica, Slayer, Anthrax, Exodus e Megadeth, mentre oggi è il turno di una vera e propria lectio magistralis sul thrash…e non solo!

20 dic 2015

TYPE O NEGATIVE: “BLACK NO. 1”


I MIGLIORI DIECI BRANI “LUNGHI” DEL METAL
INTERMEZZO II: “BLACK NO. 1” (TYPE O NEGATIVE)

Seconda puntata dello spazio dedicato ai tre brani che non siamo riusciti ad includere nella competizione ufficiale: dopo “We, The Gods” degli Anathema è la volta di “Black No. 1” dei Type O Negative, fuori concorso perché non classificabili né alla voce “metal classico” né a quella “metal estremo”, le categorie su cui abbiamo costruito le nostre due classifiche.

19 dic 2015

RECENSIONE: KAMELOT "HAVEN"


Ci sono riusciti! Io non ci credevo, devo essere sincero, non pensavo fosse possibile sostituire Roy Khan alla voce. Come anticipato nella retrospettiva sui Kamelot, la partenza del vocalist norvegese coincideva con uno dei momenti migliori del gruppo, ma l'arrivo di Karevik e il cambio di line up non è stata la loro fine, anzi...

18 dic 2015

RAVEN, I TRE MOSCHETTIERI DELL'HEAVY METAL



I 10 MIGLIORI ALBUM DELLE CULT BAND (ANNI ’80)

INTERMEZZO: I RAVEN

Nel 1979 in Gran Bretagna, a soli 40 giorni di distanza l’uno dall’altro, accaddero due eventi molto importanti. Due fatti che avrebbero avuto, ovviamente ognuno nel proprio ambito, una risonanza e un influsso addirittura di portata mondiale.

Il 24 marzo uscì nei negozi il secondo full lenght dei Motorhead, vale a dire “Overkill”, primo di un trittico di dischi-capolavoro di Lemmy&co. (gli altri, rilasciati a stretto giro di posta, furono “Bomber” e “Ace of spades”) che avrebbero segnato indelebilmente la Storia del Rock.

Il 04 maggio successivo, invece, dopo aver vinto le elezioni del giorno prima, venne proclamata Primo Ministro del Regno Unito Margaret Thatcher, già leader del Partito Conservatore.

Che relazione hanno le due cose? Come si vennero a intersecare? Il ragionamento può apparire contorto, non lo negherò. Ma proverò a dipanarlo.

17 dic 2015

RECENSIONE: SYMPHONY X "UNDERWORLD"


Li sentite anche voi i Pettegoli del metal? Brutta specie, ma non fatevi ingannare e non ascoltate voci in giro di chi non comprende a pieno la forza di questo gruppo, ma fidatevi delle vostre orecchie e di Metal Mirror perché c'è ancora una buona prova per i Symphony X!

16 dic 2015

I DIECI GRUPPI PIÙ REPELLENTI DEL METAL: L'ORRORE ESISTENZIALE - I DEATH (PARTE III) - 2° POSIZIONE

Negli album di mezzo ancora ci sono gli scampoli della mostruosità fisica ad animare l'immaginario dei Death, ma anche i segni di un nuovo filone: la mostruosità mentale.

Si arriverà infine alla mostruosità esistenziale.

15 dic 2015

ANATHEMA: "WE, THE GODS"


I MIGLIORI DIECI BRANI “LUNGHI” DEL METAL
INTERMEZZO I: “WE, THE GODS” (ANATHEMA)

Conclusa la nostra rassegna sui migliori brani lunghi del metal classico, ci apprestiamo dunque a compiere la medesima impresa in ambito estremo: doom, black, tutti generi che del formato XXL hanno saputo fare un uso sapiente. Ma prima di procedere ci concediamo un momento di ristoro, andando ad analizzare tre brani a nostro giudizio meritevoli, ma che per diversi motivi non siamo riusciti ad includere nelle due classifiche ufficiali.

Apriamo l'intermezzo con “We, The Gods” degli Anathema: un brano che avrebbe meritato di presenziare ai piani alti della classifica dei migliori dieci brani lunghi del metal estremo. Come mai allora la releghiamo in questo limbo? Non per demeriti artistici, ma per questioni prettamente metodologiche. Nell’anteprima, infatti, avevamo dettato le regole ed era stato deciso come assunto di base che i brani scelti avrebbero dovuto durare almeno dieci minuti: un metro indispensabile per navigare ed orientarsi nel mare magnum del metal. Ebbene, “We, The Gods” dura “solo” 9 minuti e 59 secondi: un fottuto secondo in meno rispetto al minimo che ci siamo imposti. Sembra una beffa da giuria corrotta e tendenziosa, ma invece si tratta proprio del contrario: la giuria è in questo caso inflessibile, tanto inflessibile da escludere impietosamente il brano per mancanza di un requisito necessario. Ma Metal Mirror ha un cuore grande come il mondo intero ed è per questo che abbiamo deciso di dedicare questo spazio agli Anathema ed alla loro "piccola lunga" "We, The Gods".

14 dic 2015

INTERVISTE IMPOSSIBILI: CLIFF BURTON (parte seconda...)




Continua la nostra chiacchierata con il grande Cliff Burton. Nella puntata precedente il bassista ci ha espresso il suo punto di vista sui lavori dei Four Horsemen pubblicati dopo la sua morte. Vediamo adesso come se la cava sotto il fuoco incrociato delle nostre domande riguardanti un trittico di album davvero poco difendibile.

13 dic 2015

RECENSIONE: W.A.S.P. "GOLGOTHA" - La messa è finita.



Partiamo da un concetto generale: "Piano 17". 

Non so se avete presente il film dei Manetti Bros., ad ogni modo vi racconto io la scena chiave. C'è una banda di rapinatori professionisti, freddi ma non avidi, comandati da un capo che vuol fare i soldi facili, ma senza allargarsi troppo. Nell'ultima rapina qualcosa va storto e si spara. Il capo si incazza con il suo compare più fidato, uno che lo aveva sempre coperto e non aveva mai sbagliato prima, il quale giustamente si risente. E il superiore replica che quando si è sotto tensione e qualcosa va storto, bisogna sempre avere un piano 2 (o piano B) verso cui ripiegare senza perdere il controllo. E se va storto il piano 2, un piano 3 e così via. E si arriverà ad un certo punto al piano 16. E quando anche quello va storto, ed anche il più freddo degli uomini potrebbe perdere il controllo, bisogna avere un piano 17. Invece il compare ha perso la lucidità e ha iniziato a sparare, e questo perché non aveva un piano di riserva. Quindi da quel momento è fuori dalla banda: “Non mi posso più fidare di te.

12 dic 2015

IRON MAIDEN: “RIME OF THE ANCIENT MARINER”



I MIGLIORI DIECI BRANI “LUNGHI” DEL METAL CLASSICO
1° CLASSIFICATO: “RIME OF THE ANCIENT MARINER” (IRON MAIDEN)

Al secondo posto della nostra classifica avevamo trovato “Keeper of the Seven Keys” degli Helloween: un brano che abbiamo definito perfetto. Perché perfetto? Perché nei suoi 13 minuti e 38 secondi, la “Keeper...” delle Zucche si è mostrata impeccabile. Come chi si prepara ad una lunga traversata, gli Helloween hanno delineato una strategia, raccolto provviste, si sono imposti una ragionevole tabella di marcia, dosando le energie e calibrando l'utilizzo delle risorse a loro disposizione per affrontare i momenti di maggiore difficoltà. Tradotto in musica: sono partiti calmi con un'introduzione acustica, hanno sapientemente diluito qua e là i tempi, da un lato mantenendo cautamente il formato canzone, dall’altro aggiungendo scintille di complessità. Convergendo infine tutta la loro ispirazione in un ritornello che farà epoca e costruendo con dedizione una sezione centrale da urlo: il tutto spalmato su uno schema dove ogni cosa è perfettamente al suo posto.

Ma a noi di Metal Mirror la perfezione non basta: vogliamo andare oltre, come hanno fatto gli Iron Maiden di “Rime of the Ancient Mariner”.

11 dic 2015

DIAMOND HEAD, QUANDO EVOLVERSI VUOL DIRE MORIRE



I 10 MIGLIORI ALBUM DELLE CULT BAND (ANNI ’80)

1983: “CANTERBURY”

In qualsiasi ambiente di lavoro una delle soddisfazioni umanamente più gratificanti è la stima e l’apprezzamento per il proprio operato da parte dei colleghi.
Credo che questo assunto si possa traslare anche nei contesti di carattere artistico. 
E ovviamente anche in quello musicale, a maggior ragione in quanto caratterizzato (almeno da quello che si può denotare come osservatori esterni) più da invidie e rancori che da stima e collaborazione tra i diversi personaggi che ne fanno parte.

In relazione a ciò, possiamo evidenziare che nel mondo del metallo è accaduto che delle band, sottovalutate dal mercato e conseguentemente dalle case discografiche, abbiano trovato una riabilitazione grazie ad altri gruppi, i cui componenti sono stati, magari prima di diventare musicisti, loro fans sfegatati, riconoscendone, anche a distanza di parecchi anni, influenze sulla musica da essi stessi composta. E in questi casi, si è finito quasi sempre per rendergli omaggio. 
E quale miglior modo per farlo se non attraverso delle cover?

10 dic 2015

RECENSIONE: TURILLI'S RHAPSODY "PROMETHEUS"

"Nuovo Cinema Turilli" cercasi idee e pompose orchestrazioni: astenersi composizioni semplici ed efficaci. Troneggia questo cartello fuori dallo studio triestino di Luca che, ormai con una formazione ben definita, pubblica l'album "Prometheus - Symphonia Ignis Divinus" senza ottenere i risultati (da me) sperati.

9 dic 2015

I DIECI GRUPPI PIÙ REPELLENTI DEL METAL: L'ORRORE DELLA MORTE SOCIALE - I DEATH (Parte II) - 3° POSIZIONE



L'orrore cosmico è un tema ricorrente nel metal. Si tratta di cercare l'orrido su un piano “ulteriore”, secondo l'idea che la natura del mondo e dell'uomo sia un caos precariamente ordinato, e che armonia, ordine e equilibrio siano eccezioni alla regola secondo la quale gira il cosmo. Alcuni autori trattano l'orrore cosmico in un senso sovrannaturale: ad esempio chi fa riferimento al pantheon lovecraftiano (Chthulhu, Dagon e altre facce da calamaro).  

Chuck Schuldiner, invece, esplora il disfacimento della realtà attraverso la presentazione di una galleria di tipi umani repellenti: i cervelli visti da dentro, gli scheletri mentali che sorreggono gli abomini del pensiero e del comportamento dell'essere umano medio. Questo è l'orrore cosmico dei Death, a cui essi approdano all'altezza del terzo album, "Spiritual Healing": quello stesso orrore cosmico che è definitivamente dichiarato a partire dalla copertina di “Human”. 

L'umano è la nuova frontiera del disumano.

8 dic 2015

INTERVISTE IMPOSSIBILI: CLIFF BURTON (prima parte...)


Era la notte del 27 settembre del 1986 e, come tutti sanno, la vita di Cliff Burton fu spezzata da un tragico incidente stradale durante il tour di “Master of Puppets”. Con grande deferenza noi di Metal Mirror ci siamo permessi di scomodare nell’Aldilà il mitico bassista dei Metallica, il quale si è mostrato incredibilmente disponibile nel rispondere alle nostre domande, anche a quelle più incalzanti. E l’occasione è stata così ghiotta da tradursi in una lunga chiacchierata sui Metallica, sul metal e su tante altre cose: così lunga che abbiamo dovuto dividerla in più parti. Ecco a voi la prima tranche

7 dic 2015

RECENSIONE: NAPALM DEATH "APEX PREDATOR - EASY MEAT"


Ecco il disco estremo dell'anno! Nessun timore e indugio, il tritacarne metropolitano dei Napalm Death è tornato ed io mi ero dimenticato quanto potessero essere devastanti questi perversi vecchietti. 

6 dic 2015

HELLOWEEN: "KEEPER OF THE SEVEN KEYS"


I MIGLIORI DIECI BRANI “LUNGHI” DEL METAL CLASSICO
2° CLASSIFICATO: “KEEPER OF THE SEVEN KEYS” (HELLOWEEN)

I frutti da noi raccolti lungo la scalata verso la vetta dei migliori brani lunghi del metal si fanno prevedibili e scontati, ma a certi livelli non lo si può che essere: la “Keeper of the Seven Keys” delle nostre simpatiche Zucche, dall’alto della sua durata di 13 minuti e 38 secondi, non solo è una delle migliori composizioni di estesa durata che il metal ha saputo partorire nella sua lunga storia, ma è anche uno dei migliori momenti vissuti dal metal in generale...


5 dic 2015

IL CONCEPT PIÙ IDIOTA DEL METAL: “VITTRA” (NAGFLAR)



Concept più stupidi di questo ve ne saranno senz’altro nel mondo del metal, però quello descritto in “Vittra”, opera prima degli svedesi Naglfar, non scherza affatto quanto ad idiozia.

4 dic 2015

DEMON, ALLE ORIGINI DELL'"HORROR METAL"


I 10 MIGLIORI ALBUM DELLE CULT BAND (ANNI ’80)

1982: “THE UNEXPECTED GUEST”

“Follow the Blind”, seconda release dei Blind Guardian, pur essendo un album più che valido, non è certamente il capolavoro dei Bardi di Krefeld, come abbiamo già avuto modo di sottolineare. Kursch e compagnia decisero stranamente di chiuderlo con due cover. Una era quella della celeberrima “Barbara Ann” dei Beach Boys. L’altra fu “Don’t break the circle” dei Demon.

Quando ascoltai il brano la prima volta, mi dissi: “Caspita, che botta! Gran pezzo!”. Ma chi cavolo erano questi Demon??

3 dic 2015

RECENSIONE: CRADLE OF FILTH "HAMMER OF THE WITCHES"


Che problemi avete con i Cradle of Filth? È evidente che qualcuno ha problemi con questo gruppo e se non vengono offesi, il più delle volte sono almeno derisi dalla maggioranza del popolo metal. Che cosa vi hanno fatto? Quali delusioni hanno inflitto al mondo musicale?
"Hammer of the Witches" ad esempio è un disco discreto, ma la nostra analisi sarà completa con una multipla recensione ad hoc per superare i pregiudizi (o farvene di nuovi)...

2 dic 2015

I DIECI GRUPPI PIÙ REPELLENTI DEL METAL: DALLA REALTÀ DELLA REPELLENZA ALLA REPELLENZA DELLA REALTÀ" - I DEATH (parte I) - 4° posizione

Per una volta la genesi di un genere è lineare: il death nasce dai Death, ovviamente con la mediazione dell’imprescindibile snodo della musica brutale, ossia “Reign in Blood”.

I Death di Chuck Schuldiner proposero però, oltre all’estremizzazione, anche la disumanizzazione. Mentre nel thrash-metal slayeriano la “cattiveria” è innanzitutto ottenuta in termini di impatto sonoro, chirurgico e cadenzato, nel death-metal la cattiveria diviene un messaggio privo di fisicità, molto cerebrale. Il messaggio del thrash è un messaggio di questo mondo, il death propone un messaggio sfigurato e restituito a brandelli dall’Aldilà. Il filtro della morte rende le parole delle non-parole, la voce una non-voce, il ritmo un non-ritmo.

1 dic 2015

BAGLIORI DI VERITÀ NELL'"OLTRE" DEI CULT OF LUNA


Scrivo questo post in maniera istintiva. Mosso da un’urgenza interiore impellente. Sento che è l’unico modo per scaricare la tensione. Una tensione emotiva dettata dall’ascolto di un disco.

Non ricordo, in oltre vent’anni che ascolto Metal, che un album musicale mi abbia mai provocato queste sensazioni. Questo stato d’animo.

Premetto che sono un perfetto ignorante di post-hardcore metal. Non ne ho mai seguito la Scena. Non mi ha mai interessato. Conoscevo giusto i nomi, o al limite qualche singola canzone, dei gruppi seminali del genere, ma senza mai la giusta attenzione, senza mai un vero interesse. Neurosis, Isis…si, ok, la loro importanza mi era nota, ne avevo ascoltato qualche canzone. Ma l’amore tra me e questo genere non era mai sbocciato.