"Parlare di Musica è come ballare di architettura" Frank Zappa

02 ago 2016

MITI E LEGGENDE DA SFATARE: I MESSAGGI SATANICI SUBLIMINALI - SCEMO CHI LEGGE



Ed eccoci ad una delle prime leggende metropolitane: i messaggi che condizionano il cervello passando sotto il filtro della coscienza.

Precisiamo che non parliamo di qualcosa che non esiste, ma di un concetto distorto del messaggio subliminale, nato dal concetto distorto di come funziona il cervello umano.
Ad esempio, consideriamo che durante un film io veda per millisecondi in maniera ricorrente, senza rendermene conto, un'immagine di una bibita di marca. Mettiamo che durante la proiezione o dopo mi venga in maniera apparentemente casuale la voglia di bere, e di bere proprio quella bibita.

Il fenomeno fu ritenuto possibile come espediente commerciale, e inizialmente ritenuto anche lecito, ma presupponeva, senza esplicitarlo, due elementi: che la persona esposta conoscesse la bibita in questione, e dove trovarla, cioè ne avesse già una memoria; e in secondo luogo che la gradisse, e quindi ne avesse una memoria positiva. Che possa essere indotto a desiderare qualcosa su cui ho una memoria negativa invece non è mai fondamentalmente stato ipotizzato.
Inoltre, se la stessa immagine è presentata capovolta, o smerigliata, o con altri effetti che la camuffano, è tutto da dimostrare che, anche conoscendola, il cervello riesca a riconoscerla in maniera istantanea.

Lo stesso vale per i messaggi verbali che utilizzano il canale uditivo.

Perché ad esempio un gruppo come i Deicide, che non salta un testo senza inserire elementi anticristiani o specificamente satanici, dovrebbe inserire un messaggio subliminale satanico? In teoria, perché in questo modo accederebbe ai cervelli superando il vaglio della ragione. Questo presupporrebbe però che i cervelli siano, a livello profondo, pronti ad aderire al messaggio satanico, quando invece coscientemente lo criticano, il che più che una violenza sarebbe una rivelazione. Ma poi, se le persone a livello cosciente rifiutano il messaggio satanico - e quindi devono essere raggiunte nascostamente per via subliminale - perché mai avrebbero comprato un disco dei Deicide?

Si potrebbe allora dire che il satanismo cosciente è qualcosa di innocuo, ma che è un'esca per poi diffondere messaggi condizionanti. Un conto quindi è attirare le persone con un gusto macabro, testi aggressivi e blasfemi, e un conto è condizionarli davvero verso culti o gesti distruttivi. Ma per accedere al cervello senza farsene accorgere dalla parte che corrisponde alla coscienza, che senso ha utilizzare lo stesso linguaggio, per di più complicato?
Un messaggio verbale capovolto potrebbe essere decodificato da una coscienza “al cubo”, che esamina rapidamente (anche al contrario) gli stimoli, ma in base a quale bio-logica dovrebbe essere decodificato e tradotto in sentimenti e azione da sistemi che “non parlano” per parole?

L'ingenuità degli studiosi di messaggi subliminali non distingue poi i messaggi nascosti da quelli non nascosti. Molti degli esempi riportati ("Possession" dei Danzig, "In league with Satan" dei Venom per dirne due), sono inserti rovesciati che si riconoscono benissimo e non dicono niente di imprevisto per chi li vuole ascoltare rovesciati. Inserire in maniera palese dei messaggi “rovesciati” è quindi un non-senso rispetto all'idea del messaggio subliminale come stimolo condizionante.

Altri messaggi identificati sono semplicemente delle frasi “forti” qualsiasi, di cui sono pieni zeppi dischi, libri e film dei generi più disparati. Hanno di speciale che sono “camuffati”, ad esempio sotto un assolo, una rullata di batteria: quindi la persona non capisce una mazza ma in realtà il messaggio passa. Questo ha già più senso in teoria, ma un messaggio camuffato potrebbe essere benissimo tradotto male dal cervello: o lo identifica, o lo recepisce ma in maniera appunto confusa, e quindi privata del suo effetto. Che un messaggio camuffato sia un messaggio subliminale è un'equivalenza assolutamente gratuita.

Passiamo in rassegna qualche messaggio subliminale segnalato dal sito centrosangiorgio.com, limitandoci ai gruppi di area metal. Una prima parte sono messaggi rovesciati più per vezzo e lazzo che non secondo una linea precisa.

Type o Negative: messaggio al contrario che recita la semplice filastrocca della buona notte (resa famosa da "Enter Sandman" dei Metallica), che ha poco di satanico visto che è una preghiera a Dio “Ora vado a dormire prego il signore di custodire la mia anima, se dovessi morire prima di svegliarmi, prego il signore di portarla con sé”.
Possessed: parole palesemente registrate al contrario introducono “Pentagram”, e anticipano i soliti scenari apocalittici e infernali descritti senza alcun invito “satanico”.
Pantera: nella colonna sonora di uno dei tanti Dracula inseriscono capovolta quella che forse è una citazione, messaggio “satanofilo”, e anche di un certo gusto: “La furia di Satana è l'unica scelta, il suo esercito di mai-nati è infallibile”.
Deicide: nell'intro di “Legion” messaggio capovolto che è poi nient'altro che il ritornello del primo pezzo, ripetuto poi per diritto fino allo sfinimento. In “Where heaven burns”, inseriscono di soppiatto un messaggio capovolto che dice “faccio tutto per amore di Satana”, in reazione a cui forse l'ascoltatore, già sepolto da una grandinata di blasfemie assortite, si lascia andare a uno sbadiglio.
Darkthrone: “nel nome di Dio, che le chiese brucino”. Disco che vede la collaborazione di Vikernes, che forse si suggestionò da solo e bruciò poi le chiese, ma certamente non con questo messaggio che è del 1994. A quanto pare ha ragione lui a dire che non è mai stato satanista, visto che l'invito è “nel nome di Dio”. Per cui se mai Vikernes ci tenne a precisare anche al rovescio che voleva dar fuoco alle chiese.
Ozzy si mantiene sull'umoristico e incide al contrario “tua madre fa pompini all'inferno” in Bloodbath in Paradise, citazione de “l'esorcista”.
Sobri ed educati i Grim Reaper, che si limitano a “ci vediamo all'inferno”. 
Liturgici i Cradle of Filth che registrano il padre nostro al contrario, roba da “Pippo, Pluto e la Setta Satanica” (eppure pare davvero che alcune sette usino questo rituale con convinzione).
Ironici i Vicious Rumors, che incidono al contrario “sii buono con tuo padre e tuo madre; non sballottarti il cervello con le droghe, scuotilo col rock. A proposito, stai sprecando il tuo ago”. Non risulta che questo espediente subliminale abbia dissuaso il mondo dall'uso di droghe e migliorato i rapporti famigliari, a meno che questo effetto non abbia riguardato solo i metallari in possesso di “Digital Dictators” del 1988. Fatecelo sapere.
Didascalici gli Impaled Nazarene, che specificano al contrario: “Satana è la vendetta in luogo del porgere l'altra guancia”, dettame di ispirazione La-veyiana. Il messaggio risulta piuttosto innocuo in un disco che riporta il 666 nel titolo, mentre invece sfugge ai ricercatori il backmasking “cunt/cunt/cunt” (topa/topa/topa). Molti fan degli Impaled hanno dimostrato arrapamento più o meno organizzato, ma non ci sentiamo di imputare il fenomeno a questo inserto verbale.
Con i Venom il maligno cerca si suggestionarsi da solo tramite il messaggio al contrario “I will return”. I risultati (il successivo "Possessed") saranno discutibili e segneranno la crisi definitiva dei Venom storici.
Definitivi i Tarot, che registrano al contrario in pratica una sorta di “scemo chi legge”, e cioè in finlandese: "Siete dei fottuti pazzi se ascoltate questo al contrario. Andate a farvi fottere! E impalatevi!". Gli addetti alla catalogazione lo bollano come “messaggio negativo”.
I Black Sabbath sono più seri. Un verso dell'eponima canzone, rovesciato dice in maniera nitida “I am Satan, love me”. Di tutti i messaggi, l'unico a cui va riconosciuta una certa inquietante dignità, con tutte le premesse già fatte sulla teorica inutilità di un messaggio in tal modo occultato. Inquietante risulta semplicemente il fatto che la voce cantilenante di Ozzy, anche rovesciata, risulti uguale e produca delle parole anche in senso opposto. Molto più banalmente può trattarsi di una sovraincisione al contrario.

La nostra personale conclusione: incidere messaggi mascherati, o rovesciati, così come inserire tracce fantasma, è diventato un topos non specifico di un autore o di un genere (nella lista ci sono anche Zucchero, Battiato, Fedez etc). Non è escluso che qualcuno lo abbia fatto apposta, e neanche che in qualche caso chi li ha inseriti credesse davvero di far qualcosa di “satanico”. 
Per adesso i suoni rovesciati sono per il cervello qualcosa di incomprensibile, al punto che una sequenza di suoni verbali rovesciata è in genere anche riconoscibile come tale, risultando incomprensibile nel contenuto. 

Queste trovate sembrano più una firma, un orpello, uno specchietto per le allodole, perfino uno scherzo puro e semplice. Come la foto di un uccello in filigrana dentro lo spessore di una pagina di una rivista porno.

A cura del Dottore