"Parlare di Musica è come ballare di architettura" Frank Zappa

07 mag 2016

TARJA TURUNEN È UNA MARTIRE O UNA STRONZA?


Tarja Soile Susanna Turunen Cabuli nasce in Finlandia nel 1977 ed è stata, quasi per dieci anni, la cantante dei Nightwish prima di iniziare la sua carriera solista. Da un lato vive con i pregiudizi del mondo classico, perché un soprano dovrebbe cantare nel metal? Dall'altro vive con i pregiudizi del mondo della musica estrema, perché i Nightwish sono troppo commerciali. Analizzando il suo burrascoso addio alla band, cerchiamo di capirne il carattere e rispondere alla domanda: Tarja è una martire o solo una stronza? 

Un soprano lirico di bella presenza e attenta nello studio, ma perché non sfonda nel mondo classico?
Il suo amore per il metal ha allontanato Tarja dal jet-set operistico, ma c'è qualcosa di più? Il grande talento angelico e la passione per la musica del diavolo non riuscivano ad unirsi in lei, povera Tarja costretta a perdersi dietro alla sua meravigliosa voce.
Una voce da soprano lirico nei marci pub metallari, perle ai porci che guardavano i Nightwish commentando: "Ragazzi, pensate a questa come urla quando gode!" con risate e pacche sulla schiena finite in rutto collettivo.

Durerà 9 anni il sodalizio con i Nightwish portando riconoscimenti e successo, grazie soprattutto alla sua voce, diventeranno la band di riferimento per il metal al femminile. Album gioiello come "Oceanborn" o "Wishmaster" diventeranno capisaldi per la musica sinfonica, ma l'allontanamento dal gruppo inizia a fornirci qualche indizio sul carattere di Tarja.
Sarà Tuomas Holopainen, tastierista del gruppo e figlio di Kirsti prima insegnante musicale di Tarja, a scriverle una lunga lettera.
L'amico fraterno sancisce l'addio tra di loro con parole accorate, ma alcuni passaggi salienti servono a dirimere la matassa sul lato oscuro della Turunen:
"Cara Tarja, abbiamo lavorato a questa creazione per nove anni e non siamo pronti per smettere adesso: Nightwish è uno stile di vita, qualcosa per cui vivere e siamo certi che non lo lasceremo andare. Durante l’ultimo anno è successo qualcosa di triste, che ho sopportato nella mia testa ogni singolo giorno, mattina e notte. Il tuo atteggiamento e il tuo comportamento non vanno più bene per i Nightwish. Ci sono caratteristiche che non avrei mai creduto di vedere nella mia vecchia cara amica. Le persone che non si parlano per un anno non appartengono alla stessa band. Siamo anche una band che ha sempre fatto musica dal cuore, per l’amicizia e la musica stessa. La soddisfazione mentale dovrebbe sempre essere più importante dei soldi! Per te, sfortunatamente, business e soldi sono diventati molto più importanti".

Insomma più che una martire sembra una taccagna attaccata al denaro, ma anche una donna in carriera presa dall'onnipotenza della sua voce da soprano.
Detto tra noi, ma quanti soldi potranno mai fare i Nightwish? Non mi sembra di averli visti in vetta alle classifiche, ma evidentemente qualcosa riuscivano a tirar su per campare.
Una prima donna come vuole la tradizione classica, ma alcuni passaggi successivi aiutano a comprendere ancor meglio: "Questo atteggiamento mi si è chiaramente mostrato in due cose che mi hai detto in aereo a Toronto: Non ho più bisogno dei Nightwish e Ricorda, Tuomas, che potrei lasciare questa band in qualunque momento, dandovi solo un giorno di preavviso! Per questo non ha senso fare il prossimo album insieme. Nightwish è uno scenario della mia anima e non sono pronto a lasciarlo andare per una persona. Una persona che vuole concentrare la sua creatività su qualcos’altro, una persona che ha idee diverse dalle mie. Abbiamo sempre avuto il più alto rispetto per te come cantante e amica, ma sei sempre stata l’unica che voleva più soldi dagli spettacoli".

Oltre ad essere una tirchia, sembra anche una discreta stronza la nostra angelica Tarja. C'è qui però solo una campana della contesa, perciò non voglio giudicare e farla passare da martire a stronza in poco tempo. 
Come quando ci sono persone che parlano male di un conoscente, rischi comunque di rimanerne influenzato, così ascolto con una certa reticenza i dischi successivi. Nel 2007 debutta con "My Winter Storm" la sua carriera solista e, al contempo, lancia una linea di gioielli in argento che porta il suo nome.
La cosa mi puzza, il disco è onesto ma l'immagine della principessa che corre da sola non mi convince anche perché il marito Marcelo viene additato come il principale fautore del cambiamento di Tarja.

La Turunen risponde alle accuse, ma non so a chi credere, soprattutto perché sembra sincera quando nega tutto ed è sconvolta di non poter più cantare nella band. Dentro di me, senza sapervi spiegare perché, ho dato inconsciamente ragione al gruppo fino a quando la sostituta Annette Olzon viene licenziata più o meno allo stesso modo per Floor Jansen, ma allora due indizi fanno veramente una prova?

Annette Olzon racconta, dopo un anno dalla separazione: "Sono frustrata a forza di sentire gente che dice che ho lasciato il gruppo - perché non è così. Sono stata licenziata, esattamente come è accaduto a Tarja, ma in un modo meno eclatante". Secondo la cantante il fattore determinante per il suo allontanamento è stata la sua gravidanza, quindi chi è il vero mostro?

Sono confuso adesso, ma non è che la fine di una certa ispirazione porti i Nightwish a colpevolizzare la cantante di turno? Forse Holopainen è un maschilista?
Non so rispondere a queste domande e neanche se Tarja è una martire o una stronza, ma sono certo che Floor Jansen durerà poco. I Nightwish devono trovare la forza di fare un telefilm o un reality che li racconti, almeno la colonna sonora dovrebbero riuscire a comporla tutti insieme, colonna sonora magnifica e sinfonica, ma meglio strumentale s'intende...